La disgrafia

Il disturbo specifico di scrittura si chiama disgrafia se coinvolge la grafia, e varia a seconda dell’età dell’alunno. 

La disgrafia coinvolge il controllo degli aspetti grafici della scrittura manuale, nel momento motorio-esecutivo della scrittura.

La disgrafia compromette la qualità dell’aspetto grafico della scrittura fino a renderla illeggibile, e agisce sulla capacità di scrivere in modo fluente.

Alcuni esempi di difficoltà legate alla disgrafia:

  • Postura e impugnatura scorrette
  • Troppa pressione o poca pressione sul foglio, o pressione non omogenea
  • Gestione dello spazio: la scrittura fatica a seguire la riga o non rispetta i margini
  • Le lettere sono di grandezza diversa oppure tutte troppo grandi o troppo piccole
  • Lo spazio tra le parole è troppo, troppo poco, non omogeneo
  • Lettere illeggibili
introdurre subito strategie e strumenti di potenziamento

Riconoscere la disgrafia: segnali e diagnosi

Difficoltà o disturbo?

Prima di parlare di disgrafia va fatta una  distinzione fra ciò che è difficoltà di apprendimento, che si riferisce a una difficoltà generica incontrata a scuola, e ciò che è disturbo specifico di apprendimento, che prevede la presenza di un deficit specifico (innato, resistente all’intervento e all’automatizzazione) verificato attraverso un procedimento clinico – diagnostico (Cornoldi, 2007).

I segnali della disgrafia

Il disturbo della scrittura nel caso della Disgrafia interessa la componente motoria ed è conseguenza di disturbo di esecuzione motoria di ordine disprassico (Cornoldi et al., 1999).

La disgrafia si manifesta come difficoltà a riprodurre sia i segni alfabetici che numerici e riguarda nello specifico la programmazione e l’uso del gesto-motorio. Può influire negativamente sulla componente ortografica e di produzione del testo scritto, a causa della difficoltà di rilettura e di autocorrezione.

Le variabili che vengono prese in considerazione nella valutazione e per una eventuale diagnosi sono:

  • Sviluppo psicomotorio
  • Velocità di scrittura
  • Leggibilità e illegibilità dal punto di vista sia del bambino che del lettore esterno
  • Direzionalità del movimento
  • Spaziatura tra lettere e parole
  • Grandezza, allineamento e pressione

Cosa fare: potenziamento, diagnosi e intervento

Riconoscere i segnali di disgrafia, agire con gli esercizi potenziamento, passare a una eventuale diagnosi in tempi brevi e seguire le indicazioni dello specialista, adottando e indicando nel PDP (Piano Didattico Personalizzato) gli strumenti compensativi e dispensativi più adatti sono i passi giusti per affrontare la disgrafia.

Cosa puoi fare in pratica?

  • Se sospetti la disgrafia o hai ricevuto una segnalazione da parte degli insegnanti, parlane con loro per introdurre subito strategie ed esercizi di potenziamento
  • Se l’attività potenziamento non porta risultati o i risultati non paiono sufficienti, chiedi una valutazione al Servizio Sanitario Nazionale o a uno specialista privato se i tempi di attesa sono troppo lunghi
  • Se la diagnosi conferma la disgrafia, lo specialista ti indicherà il percorso giusto per compensarla e assecondare il modo unico e personale di studiare e di imparare di tuo figlio
  • Quando riceve la diagnosi di disgrafia, la scuola scrive il Piano Didattico Personalizzato (PDP) e indica le strategie e gli strumenti compensativi e dispensativi utili a sostenere l’apprendimento

Gli strumenti compensativi Anastasis

I software compensativi Anastasis usano la tecnologia per supportare l’autonomia nello studio dei ragazzi e studenti con DSA e li aiutano a imparare e a fare i compiti a casa in autonomia

 

Le strategie e gli strumenti compensativi e dispensativi aiutano a superare i problemi di disgrafia

Pin It on Pinterest

0