Claudio Vio, Unità Operativa di Neuropsicopatologia dello Sviluppo – ULSS 4 – San Donà di Piave e UNIPD

Questo intervento di Claudio Vio si è tenuto a Bologna nell’ambito del seminario di aggiornamento “RIDInet – La teleriabilitazione per DSA” il 16 giugno 2017, presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna.

Quale modello di intervento risponde in modo adeguato alle necessità dei ragazzi che presentano un disturbo specifico dell’apprendimento, nei servizi pubblici e privati?
Per dare risposta a questa domanda Claudio Vio parte sia dalla pratica clinica che dalle indicazioni di documenti che originano dalla Consensus Conference, come il PARCC, dove si trovano indicazioni utili per stabilire i criteri secondo cui un intervento di trattamento si possa definire significativo. Nel PARCC ci si interroga anche sui protocolli raccomandati in termini di durata e frequenza del trattamento e sulle buone pratiche da perseguire:

  • la motivazione e disponibilità da parte dell’utente e dei genitori come prerequisito al trattamento
  • la possibilità di iniziare un trattamento anche in assenza di diagnosi franca, a prescindere dalla classe,  nei casi “a rischio”
  • la necessità di un progetto di presa in carico specifico.
  • Il piano di trattamento deve anche contenere una previsione degli interventi e dei contenuti; deve essere condiviso con la famiglia, con l’utente e con tutte le figure coinvolte e prevedere anche delle verifiche periodiche da parte dell’equipe.

Dopo questa premessa teorica Claudio Vio illustra un progetto regionale che è stato messo in pratica presso il servizio ULSS 4 – San Donà di Piave, con ricadute positive su:

  • attività clinica,qualitativamente approfondita e tempestiva
  • sulle liste di attesa, che sono state snellite. 

 

 

 

 

Carrello Elemento eliminato. Annulla
  • No products in the cart.